mercoledì 9 aprile 2014

Gamberoni al brandy

 
Deliziosi e incredibilmente semplici da cucinare:
questi sono i miei gamberoni al brandy (ma si possono anche fare col gin o altro liquore).
 
Prendete dei bei gamberoni e lavateli sotto acqua corrente.
In una padella capiente versate olio evo e poi adagiateci sopra i gamberoni.
Accendete a fuoco alto.
 
Prendete uno spicchio di aglio per ogni mezzo chilo di gamberoni, pelatelo e tagliatelo a metà, buttatelo in padella. Girate.
 
Prendete un mazzetto di prezzemolo, tagliate via i gambi, tritate grossolanamente e buttate in padella.
Girate e coprite.
 
Lavate un bel limone, tagliatene metà a fette (mezzo limone per mezzo chilo di gamberi) e buttate in padella. Girate e coprite. Abbassate la fiamma e lasciate cuocere per cinque minuti.
 
Con un cucchiaio di legno spremete le fette di limone e salate.
 Lasciate cuocere per cinque minuti.
 
Aggiungete mezzo bicchiere del liquore che avete scelto, lasciate sfumare e voilà il piatto è pronto!
Il mio consiglio è di prepararli la mattina per la sera, così si insaporiscono.


mercoledì 29 gennaio 2014

Insalata di polpo con patate


 
L'insalata di polpo è un ottimo antipasto, da gustare freddo o caldo secondo la stagione, e in quantità maggiori può essere utilizzato come piatto unico.
 
Ai due ingredienti base, patate e polpo, si può aggiungere di tutto e di più, noi in genere mettiamo anche le olive, verdi o nere, ci stanno bene entrambe, e un po' di prezzemolo tritato.
 
La ricetta è semplice da seguire: il risultato dipende tutto dalla freschezza del polpo.
 
 
In una pentola mettete il polpo pulito intero, una carota, del sedano e una cipolla. Nella mia pentola vedete mezza carota e mezza cipolla, perché ho usato un polpetto piccolo da mezzo chilo circa,
Salate e versate acqua fino a sommergere completamente il polpo.
 
Lasciate bollire per un'oretta. Nel frattempo pelate le patate (io ne ho usate circa 800 grammi) e tagliatele a cubetti. Più piccoli i cubetti, maggiore il sapore che avranno, ricordate però che se sono troppo piccoli si spappolano in cottura.


Lessate le patate in acqua salata. Per un sapore più forte, potete anche lessare le patate nell'acqua in cui avete cotto il polpo.
 
Tagliate il polpo a pezzetti, unite le patate lessate, condite con olio extravergine,
aggiungete il prezzemolo, le olive o ciò che preferite, mescolate bene
et voilà,
L'insalata di polpo è pronta!
 
 
 
Un consiglio: preparate questo piatto almeno 6 ore prima di servirlo, solo in questo modo tutti i sapori si armonizzeranno bene insieme.
 
 

lunedì 18 novembre 2013

Peppa pig a punto croce - Lo schema

 
In seguito alle numerose richieste, ecco lo schema a punto croce che ho usato per il bavaglino di Peppa pig.
 
Non è mio, ma della signora Natalia che pubblica anche altri schemi, alcuni gratuiti altri a pagamento, sul suo blog.
 
Qui il link al suo blog!

venerdì 15 novembre 2013

Cappellini all'uncinetto!!!

 
Finalmente anche in Italia arriva un po' di freddo,
e con esso rinnovata voglia di sferruzzare ed uncinettare!
 
Alla mia piccola naturalmente i cappellini dello scorso inverno stanno stretti,
per cui cosa potevo fare se non lavorarne un paio nuovi??
 
Ho usato un filato bellissimo, (e non mi pagano per  dirlo),
della Sesia, color blu notte. Pura lana merino, scorre sull'uncinetto che è una favola, veramente una chicca (peccato che costicchia, altrimenti la userei per tutto!). Se cliccate sull'immagine ho messo il link alla manifattura!
 
http://www.mansesia.it/collezione-ai.php?pag=2&id=17
 
Questi i risultati delle mie fatiche!

 
 

 
Questi sono gli schemi, sono pensati, come dimensioni, per una bambina di quasi tre anni, se si eseguono con maggiori o minori aumenti, possono essere lavorati per tutte le età!
 
Schema cappellino con fiocco rosso:
 
1 - Magic ring con 6 maglie basse all'interno (qui c'è un bel tutorial per il magic ring)
 
2 - Due catenelle, poi lavorare due maglie basse in ogni maglia del magic ring, chiudere il giro
 
3 - Due catenelle, poi lavorare *due maglie basse nella prima maglia del giro sottostante e una maglia bassa in quella successiva * fino al termine del giro, chiudere il giro
 
4 - Due catenelle, poi lavorare *due maglie basse nella prima maglia del giro sottostante, una maglia bassa in quella successiva, una maglia bassa in quella successiva * fino al termine del giro, chiudere il giro
 
5 - Due catenelle, poi lavorare *due maglie basse nella prima maglia del giro sottostante, una maglia bassa in quella successiva, una maglia bassa in quella successiva, una maglia bassa in quella successiva * fino al termine del giro, chiudere il giro
 
Continuate con gli aumenti in questo modo, fino ad arrivare a un aumento (due maglie basse nel punto sottostante) e 16 maglie basse per ogni maglia bassa sottostante.
 
Da questo momento andate avanti senza mai aumentare, fino a raggiungere la grandezza desiderata.
 
Al termine del lavoro eseguite un giro a maglia bassissima.
 
Abbellite con nastri, bottoni e ciò che più vi piace!
 
Schema cappellino con fiori:
 
Lavorate come per il capellino con fiocco rosso,
ma quando sarete arrivati a cinque cm dalla fronte,
cambiate colore senza tagliare il filo,
eseguite un giro a maglia alta con l'azzurro,
poi di nuovo due giri col blu,
quindi un giro con l'azzurro.
Terminate con il blu raggiungendo  la grandezza desiderata.
 
Aggiungete fiori all'uncinetto nei due toni del blu e dell'azzurro!!!
 
Vuoi ringraziarmi per questi schemi??
Clicca sulla pubblicità! E' gratuito!

domenica 3 novembre 2013

Cozze gratinate - cozze al gratin




Le cozze gratinate sono buonissime, facili e veloci da preparare,
economiche e fanno sempre la loro bella figura a tavola.
 
Ottime come antipasto o per un secondo,
a seconda della quantità e del tipo di pasto.
 
Ricetta per tre-quattro persone:
 
1kg di cozze
uno spicchio d'aglio senza camicia
olio evo
pan grattato qb
un peperoncino secco
prezzemolo tagliato se piace
 
 
Pulite bene le cozze,
fate soffriggere in una pentola capiente olio, aglio e peperoncino.
Una volta insaporito l'olio buttate in pentola le cozze,
coprite e lasciatele aprire.
 
In una ciotola mettere pan grattato, un filo d'olio, prezzemolo e se si desidera un sapore più deciso, uno spicchio d'aglio tagliato a fettine sottili.
 
Ammorbidire con qualche mestolo dell'acqua rilasciata dalle cozze in cottura.
 
Prendere le cozze, e togliere su tutte la valva senza mollusco e sul mollusco mettere un po' del pan grattato insaporito che avete già preparato.
 
Adagiare le cozze su una teglia, mettete un filo d'olio su tutte e poi infornare in forno già caldo a 180 gradi fin quando non diventano come nella foto sotto, belle dorate.



 
Esiste anche un altro metodo: non cuocere le cozze in pentola, ma aprirle da crude e mettere nel pan grattato l'acqua in esse contenuta senza cottura alcuna.
Questo secondo metodo ha un pro e un contro:
il pro è che il sapore di mare è decisamente più forte,
il contro è che se non siete grandi chef rischiate di tagliarvi una mano nel tentativo di aprire la cozza.
 
Buon appetito!

giovedì 31 ottobre 2013

Maglione con le trecce ai ferri



Natale si avvicina e oltre ai giocattoli che Babbo Natale sicuramente porterà
alla mia adorabile bambina ecco uno dei doni fatti dalla mamma:
 
un caldo maglione con tante trecce, in un bel rosa acceso.
 
Appena finito conto di postare lo schema di punti e maglione.
 


sabato 26 ottobre 2013

Special K Biscuits Moments ai mirtilli

 
Eccomi di nuovo all'opera come tester di Trnd.
Quest'anno sono stata scelta insieme ad altre fortunate per testare un prodotto buonissimo:
gli Special K Biscuits Moments ai mirtilli.
 
Sono venduti in confezioni da cinque porzioni,
ogni porzione ha dentro due biscotti per un totale di 99 cal!!!
 
I biscotti sono croccanti, decorati col cioccolato bianco,
riempiti di deliziosa composta ai mirtilli.
 
Questo snack mi piace moltissimo,
e non mi sento per niente in colpa a mangiarlo, viste pochissime calorie che contiene!!